"Vorrei essere un supereroe come Spiderman"

LEANDRO – 2018

“Vorrei essere un supereroe come Spiderman”

Leandro, 4 anni, medulloblastoma

Come trasformare una durissima malattia in una vera e propria sfida?

Ci ha pensato il piccolo Leandro che tempo fa aveva accolto i volontari Make-A-Wish nel suo lettone. Lui, pur se evidentemente indebolito da un delicato intervento alla testa e dalle successive cure, quel giorno aveva sorriso. Aveva sorriso fantasticando e immaginando di poter realizzare il suo grande sogno.

Ecco com’è andata, lo raccontano le volontarie che si sono immedesimate nel piccolo Leandro, per riportare ogni particolare nel modo più autentico e veritiero possibile, dando voce alle sue emozioni.

Il 13 Ottobre è stata una giornata davvero incredibile! Mi sono svegliato come sempre tranquillo. La mamma aveva preparato la colazione ma, a differenza degli altri giorni, aveva un sorrisetto strano e le occhiate che si davano lei e papà, mi sembravano del tutto insolite. Poi mi ha spiegato: ‘Sai, le ragazze di Make-A-Wish? Sai, quelle alle quali hai chiesto di incontrare i tuoi Super Eroi preferiti? Ecco loro! Arriveranno tra poco, vengono a prenderci e, sarà tutta una sorpresa speciale!’ Passano pochi minuti ed eccole: Paola, Franci, Marta e Gabriella. Allegre, il loro entusiasmo mi affascina, mi fa venire subito voglia di andare con loro! Hanno portato anche un regalo… evvaiii! Un nuovo vestito di Spiderman. Lo indosso, mi sta a pennello! Le scarpe non le voglio. Lui, l’uomo ragno, mica ce l’ha?! Saliamo in macchina, chissà se a Francesca, che sta guidando, danno fastidio le ragnatele che lancio tra i suoi lunghi ricci neri. Poco importa. Io, mi sto già divertendo un mondo, e lei ha una gran pazienza! Arriviamo in un bosco, è la prima volta che ci vengo. Mi spiegano che siamo al Parco Avventura del Peralto. Vedo liane, percorsi sospesi, cavi e passerelle che ti permettono di andare da un albero all’altro, a diverse altezze. Chissà cosa mi aspetta? Io, per non sbagliare, me ne sto in braccio a papà, che così ‘sono al sicuro’. Marta inizia a leggermi una storia: dice che devo allenarmi, fare delle specie di prove perché alla fine dovrò trovare una spada magica che mi permetterà di sconfiggere un cattivo e salvare il pianeta. Dice anche, che non devo preoccuparmi, perché ad aiutarmi ci saranno degli amici moooolto speciali!

Non ci crederete, ma in quel momento sbuca fuori con un grido proprio Hulk. Sì, lui in persona! E lo seguono Capitan America, con il suo scudo gigante e Batman, con il mantello nero. Arrivano anche Superman e naturalmente Spiderman, uno come me,  ma… un po’ più alto. Mi battono il cinque e diventiamo subito amici!

Gli addestramenti sono tosti, non c’è che dire! Il primo è il tiro alla fune: io e Hulk contro tutti gli altri. Non c’è storia, vinciamo noi ovviamente, e anche la rivincita! Le prove successive, tra cui quella di coraggio, di abilità e intelligenza, le supero con facilità. In fondo, io sono un guerriero, ci vuole ben altro per spaventarmi. In effetti, sento una strana forza che arriva, una sorta di energia e persino le mie gambette, che ogni tanto fanno le pigrone, sono leggere, e faccio tante di quelle acrobazie sul ponte tibetano e attaccato alla carrucola, che dovrebbero proprio vedermi la mia Fisioterapista e i Dottori del Gaslini! Mi piace questo Parco Avventura, che bello! Romolo, il proprietario, mi consegna un biglietto speciale che mi permetterà di venirci quando voglio, tutte le volte che sarò a Genova.

Alla fine, ho trovato la spada magica che fa mille suoni e cambia luce. Non faccio per vantarmi mah… va beh, ho anche sconfitto la cattivissima ‘Anima Nera’, ma è stato facile! Poi, siccome mi dispiaceva vederla cosi, cattiva e sola, l’ho convinta a unirsi al nostro gruppo di Eroi e abbiamo fatto merenda tutt’insieme con pizza e the al limone, come piace a me! Superman mi ha consegnato il diploma, abbiamo chiamato mio fratello e fatto mille foto.

Impegnativa come mattinata, direte voi… Eh già, ma d’altra parte sono un super eroe, che ci volete fare?!

Paola, Francesca, Marta e Gabriella – volontarie Make-A-Wish Italia Onlus

Grazie di cuore

NH Hotel Group

Parco avventura Genova
Sig. Romolo Benvenuto e tutto lo Staff

Riprese e montaggio
Gaetano Carlevaro
Riccardo Molinari

 Un ringraziamento speciale a:

Gabriella Brunelli, Agnese Schiaffino,Marcella Germano, Paola Bassino – Volontari Make-A-Wish Italia
Gianluca, Marta, Francesca, Nicolò, Luca, Michele, Matteo – Dreamers

Grazie 

29 ottobre 2018
Make-A-Wish BLOG