"Vorrei guidare una moto da enduro"

JACOPO – 2018
  • Jacopo e la moto
  • Jacopo e la moto
  • Jacopo e la moto
  • Jacopo e la moto
  • Jacopo e la moto
  • Jacopo e la moto
  • Jacopo e la moto
  • Jacopo e la moto

“Vorrei guidare una moto da enduro”

Jacopo, 14 anni, tumore rinofaringeo metastatico

“Ho visto una gioia così forte in Jacopo e nella sua famiglia che davvero ho capito che regalare felicità dà una felicità ancora più grande, perché regalare felicità dà un senso a questa vita strana che a volte ci mette al muro ma ci chiede di andare avanti, sempre e comunque. Ed è quello che fanno i sogni: ci aiutano a continuare, avanti tutta, avanti sempre. Essere volontari Make-A-Wish significa essere parte della grande macchina che realizza i desideri, ed è un onore grande.” Raffaella, volontaria Make-A-Wish Italia

Quando un ragazzino come Jacopo incontra Make-A-Wish e quando la sua passione più grande si trasforma in un desiderio realizzato, la malattia sembra quasi scomparire per lasciar posto a emozioni che cambiano la vita.

Ce lo racconta Jacopo:

NON MI SEMBRA ANCORA VERO!
Sono Jacopo, ho solo 14 anni, eppure, negli ultimi 2 ho vissuto talmente tante esperienze che potrei dire d’averne 100. Purtroppo molte sono state negative ma, ad oggi, forse, rifarei tutto pur di rivivere l’emozione di domenica e credetemi rifare la chemio che ho fatto io, le sedute di radioterapia che ho fatto io, non cosa da poco, eppure l’emozione di entrare nel locale di Vanni, vedere schierati tutti i volontari di Make-A-Wish per me, scoprire sul tavolo tutto l’abbigliamento da moto e soprattutto, vedere arrivare il MIO IDOLO, Vanni, sulla mia moto, la mia “gina”, è un’emozione che non potrò e non riuscirò a descrivere con semplici parole; sentire il cuore che scoppia di gioia, non riuscire più a parlare, veder realizzato il proprio sogno ritenuto impossibile; non ho vocaboli adeguati, proporzionati alla gioia che ho provato, gioia che mi porto dentro da domenica e che mi sta accompagnando giorno e notte…ihihihi dico anche notte perché non sono riuscito a dormire dall’agitazione.

Non è semplice convivere con questo mostro, la vita cambia, il fisico cambia, le amicizie si trasformano: ne perdi molte, forse quasi tutte, ma io ho trovato una squadra meravigliosa: Raffaella, sempre sorridente, disponibile e, grazie a lei, ho potuto conoscere Vanni Oddera, una persona unica, capace di trasmettermi la carica; i volontari di Make-A-Wish attenti a ogni mio pensiero e pronti con i loro abbracci; la direttrice dell’associazione, che ho conosciuto personalmente e sinceramente mi ha fatto enormemente piacere dare un volto alla persona che ha autorizzato l’avverarsi del mio sogno, della mia gioia e passione. Un grazie anche al sig. Acerbis per avermi regalato tutto l’abbigliamento per la moto (casco, stivali, maglietta, pantaloni e guanti), e grazie a Vanni per starmi vicino, fisicamente e moralmente dandomi sempre la voglia di ricominciare.

Ora, nonostante questa sia la 3 recidiva, dovrò guarire definitivamente, lo devo fare per me, per crescere e passare i valori, l’amore e la mia esperienza a tutti, crescere e aiutare chi purtroppo si troverà nella mia situazione, crescere e provare a regalare emozioni e gioia come Make-A-Wish ha fatto con me.
GRAZIE DI CUORE, NON CREDO DI ESSERE MAI STATO COSI FELICE IN VITA MIA.

Grazie di cuore
Vanni Oddera – campione di freestyle motociclistico
KTM
Acerbis

 Un ringraziamento speciale a:
Marco Spagnuoli, Raffaella Rogora, Elena Genitoni, Bryan Guidugli, Svitlana Matemish, Isabella Nicoli, Martina Del Corno, Silvia Perini, Svitlana Matemish e Stefania Tulipano. – Volontari Make-A-Wish Italia

Grazie 

21 marzo 2018
Make-A-Wish BLOG