"Vorrei avere uno smartphone"

ELJON – 2020

“Vorrei avere uno smartphone”

Eljon, 17 anni, Sarcoma di Ewing

Non ancora maggiorenne, Eljon non solo ha su di sé il carico di una grave malattia, ma anche il ruolo da capofamiglia. Qualche anno fa la diagnosi del sarcoma, lui e i suoi genitori si trovavano in Albania, il loro Paese d’origine, e hanno cercato di curarlo restando a casa. Poi la recidiva, le condizioni si sono aggravate e l’arrivo in Italia, a Pisa, in un residence che accoglie gratuitamente bambini e ragazzi sottoposti a cure oncologiche. Non è stato facile, i genitori di Eljon non parlano italiano e lui ha dovuto impararlo velocemente per essere il punto di riferimento in tutto, ad esempio si è occupato lui di iscrivere a scuola i due fratelli minori e di seguire ogni aspetto pratico per organizzare questa nuova vita, un bel carico per un ragazzo della sua età!

Quando i volontari Make-A-Wish lo avevano incontrato, erano rimasti molto colpiti dalla sua maturità. Era stato lui stesso a raccontare con grande consapevolezza tutti i dettagli della sua malattia, i disagi del trasferimento e le difficoltà che hanno travolto all’improvviso l’intera famiglia. Eljon ha dimostrato un grande carattere, ha le idee chiare e i piedi per terra, ma il suo spirito resta quello di un diciassettenne. E, come molti coetanei, anche lui sentiva il bisogno di avere uno smartphone di nuovo design e alta tecnologia, uno strumento che gli rendesse più facile restare in contatto col mondo.

Sabato 7 novembre l’impossibile è diventato possibile, è accaduto qualcosa di fantastico, inimmaginabile. Eljon, che recentemente si era trasferito in un’abitazione autonoma con i genitori e i suoi 4 fratelli, è stato attirato al residence, con la scusa che avrebbe dovuto partecipare alla consueta riunione del gruppo giovani. Dopo due chiacchiere con la Presidente, il suo sguardo si è posato sul giardino allestito a festa e sugli ospiti, piccoli e grandi, che stavano prendendo posto per assistere a uno spettacolo, e naturalmente nell’attesa anche lui è stato invitato. Gli spazi, grazie ai ragazzi dell’Edilizia Acrobatica, erano stati trasformati in un vero e proprio set cinematografico; 8 Supereroi si sono calati dal tetto, lasciando Eljon e tutti gli altri a bocca aperta. Si arrampicavano sui muri, si catapultavano sul prato decorato da tanti palloncini azzurri, combattevano tra loro. E infine la grande sorpresa: Hulk, il supereroe preferito di Eljon, si è avvicinato a lui per consegnargli il suo telefono. Sì proprio un semplice telefono che, grazie a Make-A-Wish, si è trasformato in un oggetto dal valore incommensurabile: un’occasione per donare al nostro giovane ragazzo emozioni uniche e ricordi che dureranno nel tempo, un’occasione che ha portato gioia a tante famiglie, bambini, ragazzi, volontari… a un’intera comunità di persone. “Noi qui in residenza siamo una famiglia allargata e da oggi anche voi di Make-A-Wish siete a tutti gli effetti entrati a far parte della nostra famiglia” – ci dice la presidente di A.G.B.A.L.T.

“La sorpresa è riuscita alla grande, Eljon era emozionato e felice, tornando almeno per alcuni istanti un ragazzo spensierato come è giusto alla sua età. L’emozione più grande che porterò nel mio cuore è la felicità di tutta la comunità della residenza nel partecipare alla realizzazione del sogno di Eljon, quasi come se ognuno di loro avesse ricevuto qualcosa. Sono momenti che ti riportano davanti agli occhi il motivo per cui siamo in Make-A-Wish” – le parole di Chiara, la nostra wish-coordinator che era presente.
.

Grazie di cuore:

per aver adottato il desiderio di Eljon e quello di tanti altri bambini e ragazzi.

Un ringraziamento speciale per la collaborazione

Edilizia Acrobatica
Associazione A.G.B.A.L.T
Residence dei Girasoli Pisa
Luigi e Giulia – Volontari Make-A-Wish

Riprese e Montaggio 
Federico Rodelli

Grazie 

22 Dicembre 2020