“Vorrei incontrare i giocatori del Milan...”

CRISTIANO – 2016

“Vorrei incontrare i giocatori del Milan e assistere agli allenamenti”

Cristiano, 7 anni, affetto da Neuroblastoma

Il wish day raccontato da Carlotta, volontaria Make-A-Wish Italia

Avrei dovuto capire che sarebbe stata una giornata speciale già dal meraviglioso sole che mi ha accolto a Milano e che ha scaldato il breve tragitto tra la stazione e l’albergo dove Cristiano e i suoi genitori, Marco e Silvia, hanno alloggiato la notte prima del mio arrivo.

Cristiano è nella hall che mi aspetta, vestito con tuta e cappello del Milan, impaziente di cominciare questa lunga giornata, in cui potrà finalmente vedere da vicino i suoi idoli. Senza perdere tempo prendiamo il taxi, destinazione Casa Milan, il museo del Milan. Ci accoglie il Dott. Amato, curatore del museo e, a sorpresa, viene a salutare Cristiano una leggenda del calcio e un mito assoluto, non solo per i tifosi del Milan, Franco Baresi. Cristiano non lo riconosce immediatamente, ma appena sente il papà (emozionatissimo!) che pronuncia il suo nome, si illumina. Questa è solo la prima di molte sorprese. Il museo è divertente e interattivo, troneggia nel mezzo della stanza una riproduzione gigante della coppa dei campioni che incanta letteralmente Cristiano. Lì, complice un mix di immagini, musica e luci, che ci travolge, ci troviamo tutti a bocca aperta e sentire sotto la nostra pelle la gioia del goal e l’euforia della vittoria (anche io che sono interista!). Terminata la visita di Casa Milan, un giro al Milan Store, dove il Dott. Amato regala a Cristiano una foto autografata di Bacca e una foto della squadra con la dedica di Franco Baresi.

Usciti dal museo, ci attende il nostro autista Daniele: destinazione Milanello dove ci danno il benvenuto il responsabile CSR del Milan, Martino Roghi e il capo della sicurezza del Milan, soprannominato Rambo, due persone che si prendono a cuore il nostro Cristiano e personalmente fanno molto di più di quello che ci saremmo aspettati…

 

Leggi di più...

Nel giro di poco entriamo in campo ed ecco che arrivano i giocatori, uno dopo l’altro si avvicinano a Cristiano, si presentano, gli danno una carezza, un cinque, un sorriso. Si mettono tutti vicini a Cristiano, scattiamo le foto e dopo qualche minuto arriva l’urlo del mister che richiama i ragazzi ai loro doveri. Ci sistemiamo a bordo campo a guardare l’allenamento e Cristiano mi racconta tutto: nomi, ruoli, storie e goal segnati. Si emoziona quando vede Bacca correre davanti a lui, esulta quando i vari giocatori segnano, anche se è solo un allenamento. E stiamo lì al sole, noi quattro, a chiacchierare, commentare le azioni dei giocatori, ridere, raccontarci delle nostre vite, come in un lasso di tempo sospeso in cui non esiste nulla se non la spensieratezza di quel momento. E sarebbe bello farlo durare per sempre.

Dopo un paio d’ore termina l’allenamento, ma non finiscono le sorprese. Rambo ci dice di restare con lui e presenta a Cristiano quasi tutti i giocatori: tra tutti, il capitano, Riccardo Montolivo, e Gianluigi Donnarumma, il suo idolo portiere diciassettenne. Ragazzi dal sorriso sincero e pulito che lo abbracciano, scherzano insieme, e io continuo a scattare foto!

Vorrei entrare nel cuore di Cristiano, sentire quanto sta battendo forte, capire quanto è emozionato e quanta gioia sta provando in questo momento. Quello che vedo è un bambino raggiante, pieno di emozioni e di felicità, tanta da non fargli sentire la stanchezza fisica di tutto il tempo passato in piedi. Il viaggio di ritorno è una risata continua, Cristiano è un fiume in piena, continua a chiacchierare, raccontare, è pieno di energia positiva. E, mentre mi allontano, rivivo mentalmente la giornata, rivedo la felicità negli occhi di Cristiano e dei suoi genitori, risento quell’emozione palpabile di chi si rende conto che i desideri si possono realizzare e che nulla è impossibile se ci credi davvero!

Grazie di cuore a
AC Milan
Dott. Martino Roghi, responsabile CSR AC Milan
Dott. Amato, Museo Milan

Ringraziamo inoltre
Rambo
Carlotta D’Ercole, Elvira Schettino –  volontari Make-A-Wish Italia

Grazie