“Vorrei preparare una torta grande con il cake designer Renato...”

CRISTIAN – 2016

“Vorrei preparare una torta grande con il cake designer Renato…”

Cristian, 12 anni, affetto da Leucemia

Cristian è un ragazzino vivace, che ci aveva accolto con la sua mascherina per proteggersi da eventuali infezioni, essendo lui nel bel mezzo delle cure chemioterapiche. Molto chiacchierone, non aveva avuto alcun problema a raccontarci i suoi desideri, uno più importante di tutti gli altri… “Vorrei incontrare il cake designer Renato Ardovino e fare con lui una torta GRANDE!”

Una piccola intervista a Cristian

Esistono tantissime ricette per realizzare una torta, ma gli ingredienti di base non possono mai mancare, così come per la realizzazione di un bel desiderio: 1. il rinomato cake designer Renato Ardovino
2. un bambino di nome Cristian
3. la sua splendida famiglia: la mamma Maria, la sorella Sofia ed il fratello Jonathan, detto Jonny.
Il tutto ambientato nella meravigliosa cornice di Napoli, una città ospitale ed eclettica.

Con riferimento a questo “Wish” si potrebbe dire che è stato quello delle “prime volte”: il primo aereo, la prima volta a Napoli, il ritorno per la prima volta dopo tanto tempo nella città dei nonni materni, la prima volta al mare, la prima volta in un albergo…
Si parte per Napoli, Cristian sempre vicino a me, non ha mai abbandonato la mia mano. Pronti via e si decolla!!! Cristian mi stringe forte la mano e chiude gli occhi, chiedendomi di avvertirlo nel momento in cui avessimo raggiunto il cielo. Arrivati a Napoli, prima di scendere dall’aereo il capitano Matteo mostra a Cristian la cabina di pilotaggio spiegandogli la funzione di leve e pulsanti principali.
Raggiungiamo l’hotel e iniziamo a conoscere la città. Passiamo di fianco al castello “Maschio Angioino”, vediamo la nave “Amerigo Vespucci”, un veliero che ci lascia tutti incantati. Poi ci troviamo di fronte al mare in tutta la sua immensità. Cristian è felicissimo, glielo si legge negli occhi.
Appuntamento ore 9 del giorno successivo. Nuovo tour della città e poi il simpatico autista Severino ci accompagna a Battipaglia, dove ha sede la pasticceria e il laboratorio culinario di Renato Ardovino. Giunti sul luogo, entriamo nel mondo incantato delle “Torte di Renato”.

Leggi di più

Ancora prima di finire il giro di ricognizione, lui appare alle nostre spalle. Cristian si volta e d’istinto lo abbraccia forte, abbraccio che viene ricambiato con il medesimo entusiasmo. Il sorriso di Cristian rimane impresso sul suo dolce viso, che con occhi sognanti si guarda intorno come se fosse tra quelle nuvole che ha visto e ammirato dal finestrino dell’aereo. Mamma Maria non riesce a trattenere le lacrime, Sofia e Jonny corrono per la pasticceria, ammirando estasiati tutto ciò che vedono…
Gli aneddoti della giornata sono tantissimi, non so neanche da dove cominciare. Renato si è occupato di Cristian con pazienza e dedizione, spiegandogli ogni passaggio necessario per la realizzazione delle torte. Insieme ultimano due torte a tema “la Sirenetta” e “Toy Story”, che Renato avrebbe dovuto consegnare la sera stessa.
Difficile tradurre i ricordi, le emozioni e le sensazioni di gioia, in semplici parole. Renato e Vincenzo, suo fidato collaboratore, sono state persone fantastiche e stupefacenti, per il tempo che hanno deciso di dedicare al piccolo Cristian.
Terminate le torte, ci viene regalato anche un libro per le ricette base e una confezione di strumenti per cesellare le forme in pan di zucchero con cui vengono decorate le torte. E’ l’ora di ripartire, Cristian mi vuole accanto a lui come se la mia presenza prolungasse il suo sogno, il desiderio che la giornata non finisse.
Questa avventura è stata molto più di un semplice “Wish”, per Cristian è stato un viaggio che ha portato lui e la sua famiglia in una realtà dove la malattia e la fatica di un anno vissuto appeso a un filo, diventassero, quasi per magia, un ricordo. Forse l’alba di un nuovo inizio, fatto da obbiettivi da raggiungere per crescere e migliorare. Avere avuto l’opportunità di contribuire a questo sogno, mi rende orgogliosa e mi fa quasi tornare bambina, quando le favole più inimmaginabili, diventavano, tutto d’un tratto, realtà…

Elisabetta – volontaria Make-A-Wish Italia

Grazie di cuore
Renato Ardovino e tutto lo staff
Stephany Falasconi

Mediolanum

Ringraziamo inoltre 
Elisabetta Argia, Roberta Calvanese e Alessandro Babini – Volontari Make-A-Wish Italia

Grazie