“Vorrei incontrare Fiorello...”

ANNA MARIA – 2005

“Vorrei incontrare Fiorello”

Anna Maria, 8 anni, affetto a Leucemia

Anna Maria ha un cuore grande. La sua casa è in Sicilia ma è costretta da una leucemia a cure durissime in ospedali sempre lontani.
Quando le è stato chiesto se aveva un desiderio, non ha avuto dubbi: incontrare Fiorello, lo show man più amato dal pubblico, suo grande idolo e conterraneo.
La mattina del 4 aprile 2005, Anna Maria viene dimessa per tre ore dall’ospedale nel quale era ricoverata da due anni, viene caricata su un’ambulanza e, in compagnia di suo fratello Simone, della mamma, del papà e del dottore che la ha in cura, viene portata nell’ufficio di Make-A-Wish, perché quello è il suo grande giorno.
In ufficio tutti si sono dati da fare per trasformare un ambiente per natura sobrio e lineare in qualche cosa di festoso che nemmeno lei, che dice di essere un’ottima organizzatrice di eventi, sarebbe riuscita a ideare: decorazioni colorate e palloncini rosa vivacizzano la sala riunioni e il tavolo è imbandito con ogni ben di dio: focacce, torte, dolci, coca-cole e via e via e via…
Quando Anna Maria entra in ufficio sembra molto soddisfatta per il colpo d’occhio (il rosa è il suo colore preferito), ma dov’è Fiorello? Ed ecco che finalmente qualcuno bussa alla porta e Anna Maria si trova davanti il suo desiderio in carne e ossa.
Da quel momento in poi quello che succede è magia pura. Fiorello e Anna Maria non sono affatto quello che tutti si aspettano che siano: una star alle prese con l’ennesima fan. Fiorello e Anna Maria sembrano due amici che si ritrovano dopo tanto tempo: è come se ci fosse intimità tra di loro, si scambiano regali e numeri di telefono, poi con disinvoltura, come se fossero soli nella stanza, si mettono a cantare. A questo punto succede un piccolo ma grandissimo miracolo: Fiorello prende per mano Anna Maria, che non camminava da 6 mesi, l’aiuta ad alzarsi, poi la stringe a sé e, con estrema delicatezza, la fa volteggiare per la stanza! Quindi, sempre con leggerezza, la mette in sella di una bicicletta rosa nuova di zecca e très chic, come l’aveva chiesta lei, e la sostiene mentre pedala lungo il corridoio.
Poi la festa continua con una grande abbuffata. Anna Maria e Fiorello fanno il giro della stanza con i vassoi in mano e si comportano da perfetti padroni di casa.“Ero venuto per dare qualche cosa a una bambina”, ha detto Fiorello prima di partire. “Ma è questa bambina che ha dato moltissimo a me”E’ stato un giorno magico per tutti.
Anna Maria ha scritto una poesia con la quale ha vinto il premio Zicarelli.

La Gioia
La gioia è
una scia
leggera che vola
nell’aria
La gioia è svegliarsi al
mattino in un giorno di
Sole, con gli uccellini che
ti aprono il cuore.
La gioia è un giorno di
pioggia illuminato dai lampi
e da un bacio di mamma.
La gioia è
svegliarsi al mattino
tutta assonnata per
andare a scuola.
La gioia è guarire e una vita normale.

Grazie infinite a

Fiorello
Live tour
Duccio Forzano
Dott. Manfredini

Grazie di cuore

Make-A-Wish BLOG