"Vorrei sentirmi bella come una Star"

ALEXIA – 2018

“Vorrei sentirmi bella come una Star”

Alexia, 17 anni, affetta da Fibrosi Cistica

Bella, estroversa, solare, Alexia da diciott’anni fa i conti con una realtà difficile, come quella di una malattia che, ogni giorno, richiede cure impegnative e talvolta lunghi ricoveri in ospedale. Tutto ciò però non ha impedito ad Alexia di vivere con positività, di credere nei sogni. Tra tutti, il numero uno, quello su cui fantasticava da tempo, era di poter essere una modella. Un desiderio così profondo e così importante che ha incoraggiato Alexia a contattare Make-A-Wish e incontrare i volontari. Lei voleva sentirsi un’altra per un giorno, una ragazza bella, libera, felice. E così è stato! Impossibile descrivere le emozioni di chi era presente, Alexia si è lasciata truccare e pettinare come solo una vera top model sa fare. Ha posato davanti al fotografo con straordinaria forza e naturalezza. E’ stato davvero formidabile! La sua energia ha riempito la stanza. Ogni scatto parla di lei: del suo carattere, dei suoi sogni per il futuro, della sua battaglia. Una battaglia che Alexia, da adesso in poi, continuerà a portare avanti con ancora più ottimismo, più fiducia, e soprattutto con ancora più forza.

Leggi di più

“Sono Alexia, ho 18 anni.
 All’apparenza sono una ragazza come tante altre. Adoro i tatuaggi e il colore rosa.
 Amo la danza e sono una grandissima appassionata di moda.
A un mese di vita, mi è stata diagnosticata la Fibrosi Cistica. Avevo solo un mese
di vita, eppure dovevo già fare i conti con qualcosa di più grande di me.
 Quando nasci con una malattia genetica, come la fibrosi cistica, ti rendi subito conto, già dal primo
giorno, che non è tutto semplice. Capisci fin da subito che ti devi guadagnare con la fatica tutto, anche un respiro. Fin da bambina avevo un sogno, e quando qualsiasi persona mi chiedeva “Cosa vuoi fare da
grande?” io rispondevo sempre ‘Io da grande voglio fare la modella!’
Avevo 3 anni, eppure già sapevo cosa volevo fare della mia vita.
 Ecco perché quando ho scoperto Make-A-Wish, non ho avuto dubbi sul mio desidero: ‘voglio essere
 una modella, per un giorno.’

E quel giorno è arrivato.
 Il 16 febbraio sono stata accompagnata a Milano, all’hotel Nhow.
 Con me, avevo deciso di portare mamma e papà, le persone in assoluto più importanti della mia vita. I miei eroi, che hanno accettato di accompagnarmi in questa esperienza.
 Sono le 7 di mattina, del 17 febbraio. Suona la sveglia che segna l’inizio del mio ‘wish day’.
La mia testa inizia a farsi dei viaggi.
 Come sarà questa giornata? Cosa dovrò aspettarmi?
 Mi rendo conto che oggi si sta per realizzare il mio desiderio, quello di una vita.
 Questo giorno inizia un po’ come tutti gli altri, un po’ come sono iniziati tutti i miei giorni in questi 18
anni. Devo fare fisioterapia anche oggi. Ma oggi non mi pesa, non mi pesa assolutamente, forse perché so, dentro di me, che questo giorno non sarà come tutti gli altri.
 Una seduta di fisioterapia, una doccia e un’ora dopo sono giù, nella sala pranzo a fare colazione.


Mi sembra un paradiso questo posto. C’è di tutto da mangiare e da bere, e qui tutti si preoccupano di
farci stare bene, di farci vivere al meglio questo soggiorno.
Finita la colazione, saliamo in stanza e ci diamo una sistemata, e alle 9 scendiamo.
Ad attenderci ci sono Sune, Giulia e Bryan, i volontari di Make-A-Wish, che ci accompagnano allo Studio A di Milano, dove passeremo il resto della giornata.
 Una volta entrata nello studio mi guardo attorno: questo posto è bellissimo.
 Ad aspettarmi c’erano Letizia e Rohn.
 Letizia si è presa cura di me e mi ha coccolata per tutto il giorno.
Rohn ha reso ogni scatto un momento indimenticabile.
 Mi sono sentita una modella, una di quelle vere, mi sono sentita a mio agio in ogni cosa, dal
 camminare sulle scomodissime scarpe, all’indossare ogni tipo di abito.
Mi sono divertita come una pazza. Mi sono lasciata truccare e pettinare, abbiamo cantato, abbiamo 
riso. E in tutto questo io stavo vivendo il mio più grande sogno.
 In un attimo tutte le mie paure sono scomparse. Avevo trovato
 delle persone magnifiche, delle bellissime persone, che stavano facendo di tutto per regalarmi la gioia
di vivere appieno questo giorno, di potermelo godere al massimo.


Essere riuscita a realizzare il mio sogno più grande mi ha permesso, per un giorno, di lasciare tutti i
 problemi alle spalle e sentirmi più forte. Mi ha permesso di rendermi conto del fatto che nonostante
 tutto, basta crederci, e i sogni si realizzano.
Sono tornata a casa da questa esperienza con una carica emotiva più forte.
 Mi sento pronta a tutto.
 Rendermi conto di aver realizzato il mio più grande sogno è una carica emotiva pazzesca. Mi dà la
forza di dire ‘ce la posso fare’ nonostante tutte le difficoltà della malattia.
 Un grazie speciale a chi mi ha permesso di realizzare questo sogno, vi porterò sempre nel cuore!”
 Alexia.

Grazie di cuore

Rohn Meijer
Letizia Maestri Make Up e Martina Muscariello
Stefania Alessandrini – DSQUARED2
Simona Cusini e Jennifer Zeni – Cappellini
Milano Studio Digital srl

 Un ringraziamento speciale a:



Sune Frontani, Giulia Rosatelli, Chiara Andretta, Angela Gioachini e Bryan Guidugli  – Volontari Make-A-Wish Italia

Grazie 

23 febbraio 2018
Make-A-Wish BLOG